Arsutoria – Crescere in Asia mantenendo le radici in Italia

 

Il prossimo anno Coronet avvierà un nuovo stabilimento in Vietnam che si aggiungerà ai due italiani e a quello cinese, mentre continua ad investire nella ricerca e nello sviluppo di nuove linee di prodotto eco-friendly

A dispetto della difficile congiuntura ci sono aziende che continuano ad investire. E’ il caso di Coronet, azienda italiana specializzata nella produzione di materiali sintetici per calzature, pelletteria e abbigliamento, attiva sul mercato da quarant’anni.

Abbiamo deciso di aprire un nuovo stabilimento in Vietnam – raccontano Jarno Tagliarini e Umberto De Marco, ripettivamente CEO ed executive adviser – Stiamo valutando le offerte di alcuni parchi industriali e contiamo di avviare l’attività entro il primo trimestre del 2014. 

Per la società per azioni che ha sede a Corsico (Milano) si tratterà del quarto stabilimento, una nuova grande unità produttiva che andrà ad aggiungersi alle due italiane di Cisterna di Latina e Velletri, nel Lazio, e a quella cinese di Huizhou, nel Guangdong, avviata sei anni fa. I vertici aziendali tengono a sottolineare che il nuovo stabilimento non rappresenta un’alternativa a quelli già esistenti, anzi.

Non vogliamo chiudere in Cina per spostarci in Vietnam e tantomeno disinvestire in Italia, dove con un centinaio di dipendenti facciamo la ricerca e lo sviluppo dei nuovi prodotti, ma anche tutta la produzione della base coagulata necessaria per le attività estere. 

Perché allora un altro stabilimento?

Il mercato della calzatura di volume si sta spostando verso il Vietnam, ma anche verso l’Indonesia e la Thailandia. Spesso sono gli stessi clienti a chiederci di seguirli nelle loro migrazioni produttive, perlopiù parziali. Da parte nostra però non c’è alcuna volontà di abbandonare la Cina. Dopo una naturale fase di avviamento, che per necessità prevede lo spostamento di una parte della produzione dalla Cina al Vietnam, contiamo di destinare questo nuovo impianto solo alle crescite di business. L’apertura in Vietnam – spiegano i responsabili Coronet – è legata alla previsione di un aumento degli ordini anche in virtù di nuove strategie commerciali che abbiamo avviato da circa un anno. Attualmente in Cina produciamo circa 3,5 milioni di metri l’anno con 120 dipendenti. Con l’avviamento della produzione in Vietnam, prevediamo di arrivare a 4,5 milioni in una prima fase per poi arrivare, nel giro di due, tre anni, a 5-6 milioni di metri in totale.

Quali le previsioni di fatturato?

Negli ultimi due anni come gruppo ci siamo attestati attorno ai 24-25 milioni di euro. Grazie al nuovo stabilimento asiatico, nell’arco di tre anni potremmo arrivare a 35-40. 

Quali sono le novità dal punto di vista dei prodotti?

Each year between 7% and 10% of gains are earmarked for research, so updating from both the fashion and technical point of view is continuous. We pay great attention to the environmental issue as proved by the launch in October 2012 of the ECOLOGIKA line, that as well as being eco-friendly also offers important technical characteristics as regards absorbency, breathability and easy handling. After introducing Ecologika as a lining material, currently available in a wide colour range, we are now working to develop an analogous product for uppers. Then we are creating a variant of Ecolife, a new product destined for the high performance sports market. The Innovaction line is also continually expanding with lots of technical products of certified specific use. 

 

Coronet S.p.a. P.IVA 01823610157